Metriche, motivazione, lean: la ricetta per il successo!

Metriche miglioramento lean

Tutti sappiamo che il risultato di una buona ricetta dipende molto dalla qualità degli ingredienti usati, ma se il piatto da portare a tavola fosse un’azienda, quali sarebbero quelli giusti per portarla al successo?

In questo articolo ti parlo di tre elementi che ti permettono di rispondere a questa domanda: si tratta di metriche, motivazione e lean.

E, in particolare, di come la loro interconnessione sia la combinazione giusta per ottenere risultati che permettano all’azienda di prosperare e…. di farti lavorare meglio.

D’altronde, non ti piacerebbe lavorare in un ambiente in cui non devi fare esclusivamente il “pompiere” ma che ti dà la sensazione di affrontare (e vincere) ogni giorno le piccole sfide che ti fanno sorridere dentro?

Bene, vediamo come.

Metriche, motivazione e lean per vincere le sfide

Veniamo subito al dunque: per vincere queste piccole sfide hai bisogno della motivazione giusta per affrontarle, delle metriche per capire se stai procedendo correttamente e un approccio di lavoro che ci dia un metodo, come quello della Lean Construcion.

Nel corso dell’articolo ti spiegherò tutto nel dettaglio, per ora voglio farti un piccolo esempio di “vita vissuta” per introdurti al meglio questo argomento.

Leggere, leggere e ancora leggere!

Ti è mai capitato di trovare un articolo online interessante, con un titolo accattivante e di pensare: “ecco quello che fa per me… poi lo leggerò”?

E, puntualmente, non avere mai tempo di farlo.

Iscriviti alla newsletter e scopri segreti della LEAN CONSTRUCTION

Tu che fai?

Io stampo tutto in una cartella in attesa di trovare un momento migliore (forse esistono software che fanno questo mestiere, ma ci devo ancora arrivare).

E lo stesso faccio con il successivo, poi con l’altro e quell’altro ancora.

Fino a quando mi accorgo che gli articoli sono troppi – e il tempo continua a non essere abbastanza – e arriva fatalmente il momento di fare una scelta e dedicare qualche minuto prezioso solo a quelli più utili per la mia crescita professionale.

Beh, di questa “selezione della selezione” di articoli interessanti, ce ne sono due che ho stampato e che mi hanno accompagnato almeno una decida di volte nei miei viaggi in aereo in attesa di essere letti.

Dal titolo avevo capito che avevano qualcosa in comune anche se arrivavano da fonti distanti tra loro.

Voglio condividerli con Te perché si adattano alla perfezione con i temi trattati qui.

Grandi numeri e piccole vittorie

Il primo articolo dal quale voglio partire ha un titolo che non lascia spazio a interpretazioni: Metric Matters.

Ed è proprio il titolo ciò che ha colpito la mia attenzione perché in questo periodo sto approfondendo proprio il tema dei KPI (Key Performance Indicator)  da utilizzare nei focus group creati nel percorso di Lean Transformation avviato nella società che seguo in Israele.

Il secondo articolo The Power of Small Wins è pubblicato dal Harvard Business Review – signori che hanno un certo “peso” – tratta di un tema, quello dei piccoli successi che mi affascina.

Proviamo a mettere insieme questi due temi in ottica Lean Construction, per coglierne le potenzialità all’interno del settore delle costruzioni.

Iniziamo ad approfondire quello relativo alle metriche, visto che ho il “difetto” di essere ingegnere e quindi mi piace partire dai numeri. 🙂

Le metriche, queste sconosciute

Come avrai compreso, il tema delle metriche è fondamentale per tutti gli aspetti dell’approccio Lean.

Ecco un esempio: il movimento Lean StartUp, diventato un riferimento negli ultimi anni per chi si appresta ad avviare un’azienda innovativa, fa delle metriche la propria “stella polare”.

Qualsiasi nuova idea, progetto o fase di sviluppo deve passare attraverso un processo di validazione che si basa proprio sull’andamento delle metriche scelte a priori.

Se, dopo un ben preciso periodi di test, il loro andamento è in linea con quanto preventivato significa che la scelta è buona e va sviluppata, in caso contrario sono necessarie riflessioni ed eventualmente abbandonarla.

Tutto questo è fatto in tempi molto rapidi: un percorso di continui tentativi sul campo a valle dei quali prendere delle decisioni.

Le metriche nel settore delle costruzioni

Ma come calare tutto ciò nel nostro settore, dove elaborare queste metriche è tutt’altro che semplice?

Oltretutto spesso non si sa nemmeno cosa sia più corretto misurare!

E, anche una volta trovata una metrica, è molto difficile riuscire a ottenere dai colleghi le informazioni di cui hai bisogno per misurarla.

Ma noi sappiamo che avere delle metriche è fondamentale per riuscire a svoltare il più in fretta possibile, proprio come fanno le StartUp.

Quindi come fare?

É proprio qui che ci viene in soccorso il secondo articolo, quello delle piccole vittorie.

Small wins: piccole vittorie per andare avanti!

Ehi, ma che cosa sono queste piccole vittorie?

Si tratta semplicemente di quelle attività, anche piccole appunto, che vanno a buon fine e che lasciano una sensazione di soddisfazione a chi le porta a termine.

In fondo è semplice, prova a rifletterci un attimo.

Talvolta ci dà maggiore soddisfazione portare a compimento piccoli risultati che ci coinvolgono rispetto ad attività anche più importanti ma che non sentiamo nostre.

Tutto questo ha un senso!

Secondo la ricerca descritta nell’articolo pubblicato su HBR infatti, ciò che ci fa sentire più appagati sono i progressi nella attività delle quali riusciamo a capirne il significato.

In inglese esiste addirittura un termine per indicarlo: meaningful work.

Queste vittorie ricaricano emozioni, motivazione e percezione del lavoro durante la giornata.

 Il lavoro che “vale”

Questo lavoro con un senso tuttavia non è lo stesso per tutti: ognuno di noi, infatti, dà un valore diverso ai vari successi.

Qui entra in gioco il manager, che dovrebbe assicurarsi che ogni collaboratore riconosca come il proprio lavoro sia fattore di successo del progetto o dell’azienda, così che diventi parte del meaningful work.

Ciò permette di avviare un progress loop, ovvero un progresso ricorsivo determinato dal fatto che le piccole vittorie diventino dei successi sia per le persone che per l’organizzazione.

Piccole vittorie che generano emozioni e un senso di soddisfazione nel lavoratore che quindi ricercherà nuove vittorie di cui possa beneficiare anche l’organizzazione.

Un vero e proprio circolo virtuoso.

Non lo trovi fantastico?

E la Lean?

Sì, lo so cosa stai pensando: “tutti bei discorsi, ma cosa c’entrano metriche e motivazioni da piccole vittorie con l’approccio lean?”

E qui torniano al primo articolo, Metrics Matter, perchè le metriche possono essere il “termometro” delle nostre piccole vittorie.

Nel nostro campo, anche quando ne abbiamo assoluto bisogno, spesso non riusciamo però ad avere metriche in automatico sfruttando la digitalizzazione.

Ci serve il supporto dei colleghi, o meglio di quelli che comprendono l’importanza di misurare ciò che fanno.

É facile scrivere: dobbiamo misurare per migliorare! Ma non lo facciamo mai…

Oppure scrivere: dobbiamo trovare il modo di avere del personale motivato! Ma non riusciamo a trasmettere il valore del proprio lavoro ai nostri collaboratori…

Un percorso con l’approccio Lean Construction crea una sorta di struttura reticolare in grado di sostenere queste attività di misurazione che solitamente appaiono solo dei semplici corollari alle attività lavorative.

Misurazioni che permettono infine di verificare i miglioramenti, che a loro volta sono piccole vittorie.

E’ così si mette in moto anche il progress loop nel settore delle costruzioni.

Ed ecco finalmente la connessione tra Lean Construction (la struttura reticolare), metriche (il termometro) e motivazione (grazie alle piccole vittorie).

 Conclusioni

Quello della Lean Construction è un percorso che crea le condizioni affinché i collaboratori comprendano come il proprio lavoro faccia parte di una strategia più ampia dell’organizzazione di cui fanno parte.

Attraverso strumenti di condivisione di questo percorso inizia ad aumentare la percezione dell’importanza del proprio lavoro quotidiano che genera una sensazione di soddisfazione.

Sensazione che facilita l’adozione una serie di attività di routine avviate, tra le quali il monitoraggio, per evidenzare i piccoli successi e, di conseguenza, nuove piccole vittorie.

Ed il loop continua.

Facile, no?

Dimmi la tua!

Davide Alesi

#ilfascinodellecostruzioni

Leave a comment: